10/10/2017
F-35 LIGHTNING: QUALIFICATO IL 500° PILOTA


L’U.S. Air Force ha annunciato di aver portato a compimento l’addestramento del 500° pilota dell’F-35 Lightning II con il programma di addestramento Internazionale congiunto presso la base di Eglin. Il Maggiore Chris Campbell, director of operations del 461° Flight Test Squadron, è un test pilot dell’F-16, con all’attivo oltre 1.000 ore di volo su fighter jet e 245 ore di combattimento, ha iniziato l’addestramento sull’F-35 presso il 33° Fighter Wing la scorsa estate ed è stato il 500° pilota a completare il programma di addestramento. “Come test pilot, lavorare sull’F-35 rappresenta per me l’opportunità di essere un vero e proprio moltiplicatore di forze,” ha commentato Campbell. “Quello di volare con l’F-35 è un obiettivo che ho inseguito per molto tempo. Sono entusiasta di far parte del programma e spero di portare un contributo positivo.” Durante l’addestramento con l’F-35A presso la Air Force Base di Eglin, Campbell ha seguito circa 200 ore di lezioni teoriche, 14 ore con il simulatore, un rullaggio ad alta velocità e sei voli sul velivolo prima di ottenere la qualifica necessaria. Il corso sfrutta le tecnologie più avanzate e si serve della realtà virtuale per preparare i piloti a volare con il più avanzato sistema d’arma militare. “Man mano che emergono nuove modalità d’impiego dell’F-35, grazie all’ampliamento delle capacità del velivolo, dobbiamo adattare l’addestramento dei piloti per rispondere alle esigenze delle forze aeree di combattimento,” ha commentato il Col. Paul D. Moga, comandante del 33° Fighter Wing. “Le tattiche di quinta generazione sono in rapida evoluzione. Stanno modificando il nostro modo di pensare, di addestrare e operare come gruppo multinazionale e interforze.” Dalla consegna del primo velivolo nel 2011, il programma F-35 e l’integrated training program hanno consegnato oltre 200 velivoli, formato più di 4.500 addetti alla manutenzione, e superato le 100.000 ore di volo. “L’F-35 e le capacità che porta nel teatro operativo sono fondamentali per garantire all’Air Force la capacità di dominare ogni spazio aereo,” ha commentato Moga. “Gli Airmen che hanno concluso il loro percorso di formazione sono i migliori al mondo. La loro abilità, abbinata al livello di sopravvivenza e alle capacità garantite da questo sistema d’arma, saranno in grado di assicurare la superiorità aerea degli Stati Uniti, dei loro partner, e dei loro alleati per i decenni a venire”. “Questo grande risultato è frutto di un lavoro di gruppo: il personale in servizio attivo, la Guardia, le Riserve, i civili, i contractor, il personale dell’Air Force e della Navy, tutti insieme con l’unico obiettivo di portare a compimento una missione condivisa, completare l’addestramento di eccezionali professionisti per le forze aeree di combattimento.” Campbell si propone di sfruttare la sua esperienza di test pilot di velivoli di quarta generazione per migliorare le performance del fighter jet di quinta generazione. “L’F-35 sarà la spina dorsale della flotta tattica di fighter jet del Dipartimento di Difesa,” ha aggiunto Campbell. “Migliorare al massimo il velivolo durante i test avrà enormi effetti positivi per la Combat Air Force in futuro.” Eglin AFB è una delle due basi dell’Air Education and Training Command responsabile dell’attività di addestramento con l’F-35. Insieme, Eglin AFB e Luke AFB, Arizona, contribuiscono all’attività dell’Air Education and Training Command con l’addestramento del personale di volo e degli addetti alla manutenzione dell’F-35. (RED)