06/06/2017
PRESENTATO AL SENATO IL RAPPORTO ENAC 2016


Tendenza di crescita del traffico aereo in linea con l’Europa, consolidamento della sicurezza, evoluzione del trasporto con i mezzi a pilotaggio remoto e voli suborbitali, il ruolo dell’ente nelle attività internazionali. Questi temi centrali del Rapporto 2016 e del Bilancio sociale dell’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), presentato, come di consueto, dal Senato della Repubblica, nella sede di Palazzo Giustiniani. Apertura dei lavori affidata al Presidente del Senato Pietro Grasso, seguito dall’intervento del Presidente Vito Riggio, e con la presenza del Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini. La relazione di sintesi è stata presentata dal Direttore Generale ,Alessio Quaranta, che ha tracciato anche i principali contenuti del volume "Aeroporti: le nuove infrastrutture - Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani", pubblicazione che riepiloga e illustra, attraverso dati e gallerie fotografiche, gli investimenti sui principali scali nazionali dal 2000 con proiezioni sul futuro a medio e a lungo termine. Una panoramica ampia sullo stato del settore e della missione istituzionale dell’Enac, che è stata arricchita dai contributi del Presidente di Assaeroporti Fabrizio Palenzona, del Commissario Straordinario di Alitalia Stefano Paleari, del Presidente di ENAV Roberto Scaramella. A concludere i lavori Altero Matteoli, Presidente dell’ottava Commissione Lavori Pubblici del Senato. Il Rapporto ENAC, pubblicato annualmente dall’Ente dal 2007 e tradotto anche in inglese, fornisce, in un’ottica di trasparenza nei confronti delle Istituzioni e dei cittadini, una sintesi sulle attività svolte dall’ENAC tracciando, al contempo, un quadro sul comparto dell’aviazione civile nazionale. Il Rapporto, infatti, analizza i vari aspetti che compongono il sistema, tra cui, la regolazione economica, gli investimenti aeroportuali, la sicurezza in entrambe le accezioni di safety e di security, la tutela ambientale, i diritti dei passeggeri, i mezzi a pilotaggio remoto (droni), le attività internazionali svolte dall’ENAC in rappresentanza dell’Italia, la regolazione dello spazio aereo. Tra i numerosi temi, come annunciato: A ) la tendenza di crescita del traffico aereo in linea con l’Europa. Come per l’anno precedente, positivo il trend di crescita del traffico aereo che nel corso del 2016 ha ulteriormente consolidato la ripresa del settore: sono stati 164.368.109 i passeggeri transitati negli aeroporti nazionali con un aumento del 4,8% rispetto al 2015; b) il consolidamento della sicurezza. Sul piano nazionale il trasporto commerciale ha mantenuto gli alti livelli di sicurezza conseguiti negli ultimi anni, in coerenza con gli obiettivi posti dalla regolamentazione comunitaria. I temi relativi alla sicurezza continuano a rimanere prioritari in ogni singola attività dell’ENAC e a orientarne tutte le azioni. Sul piano internazionale nel 2016 sono stati operati 40,8 milioni di voli e trasportati più di 3,7 miliardi di passeggeri con un incremento di circa il 6% rispetto all’anno precedente. Nel trasporto commerciale si sono registrati 65 incidenti di cui 10 fatali, per un totale di 268 vittime, con un rateo di 0,15 incidenti fatali per ogni milione di voli. Solo 4 di questi incidenti mortali riguarda voli con passeggeri, mentre gli altri 6 hanno coinvolto voli cargo. La statistica conferma, pertanto, il raggiungimento di una reale stabilizzazione dei livelli di sicurezza e che, per ottenere ulteriori incrementi saranno necessari sforzi aggiuntivi nonché l’introduzione di miglioramenti tecnologici che consentano un ulteriore step evolutivo in tale direzione; c) l’evoluzione del trasporto, con i mezzi a pilotaggio remoto e i voli suborbitali. In questo settore continua l’impegno istituzionale e regolatorio dell’Ente nel campo dei mezzi a pilotaggio remoto, settore ormai strategico per l’intera comunità aeronautica. Nel corso del 2016 l’attività in questo campo ha portato alla valutazione di 2.989 dichiarazioni di Operatori SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) per operazioni specializzate non critiche; all’emissione di 504 autorizzazioni per operazioni specializzate critiche; l’emissione di 2 Permessi di Volo per SAPR di massa operativa maggiore di 25 kg; consulenze nel settore, tra cui quelle a sostegno delle operazioni della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri. L’anno è stato caratterizzato dell’applicazione della nuova edizione del Regolamento Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto basato sull’impostazione di un approccio proporzionato rispetto al rischio (dal minore al maggiormente critico) di ogni operazione e sul concetto che l’operatore del mezzo è responsabile del suo uso, con il contributo fondamentale dei piloti per la conduzione in sicurezza delle operazioni. Sono, inoltre, continuate le attività svolte sull’aeroporto di Taranto Grottaglie, individuato, a livello nazionale ed europeo, quale piattaforma logistica integrata ideale, in ragione della collocazione geografica e della flessibilità operativa, per lo sviluppo e la ricerca nel settore aeronautico civile, da utilizzare, in particolare, come luogo idoneo per i Test Range dell’aviazione e, non ultimo, come corridoio di volo per sperimentazioni aeronautiche con velivoli a pilotaggio remoto. Sono in corso presso questo scalo iniziative di sperimentazione da parte di alcune aziende nazionali su APR di grandi dimensioni, come riportato nel Rapporto. Inoltre, per quanto riguarda i voli suborbitali l’ENAC ha elaborato e pubblicato una prima Regulatory policy con cui vengono definiti i criteri di sicurezza da assicurare nei vari ambiti nei quali si articola il complesso settore del trasporto commerciale suborbitale, consentendo da un lato all’industria di settore primi e importanti elementi di approfondimento e dall’altro al sistema nazionale la possibilità di assumere un ruolo primario in questo promettente mercato; d) Il ruolo dell’Enac nelle attività internazionali. Nel corso del 2016 ha avuto una rilevanza particolare la 39a Assemblea Generale ICAO, che si è svolta a Montreal (settembre-ottobre 2016), in cui l’Italia è stata rappresentata da una delegazione guidata dal Direttore Generale dell’ENAC. L’Assemblea ha visto una serie di risultati favorevoli per il ruolo internazionale del nostro Paese che è stato eletto nel Consiglio dell’ICAO, tra le nazioni leader dell’aviazione civile mondiale, con 166 voti su 170 votanti, seconda con un solo voto di distacco dal Brasile e prima tra le nazioni europee. Inoltre, l’alta considerazione goduta dall’Italia presso tutti i Paesi membri dell’ICAO è stata attestata da due importanti riconoscimenti: l’assegnazione di un premio da parte del Presidente del Consiglio ICAO per i livelli di sicurezza (safety) raggiunti dal nostro Paese negli ultimi anni e l’elezione, per la prima volta dalla costituzione dell’ICAO, di un italiano - il Direttore Generale dell’ENAC - come Presidente della Commissione Legale dell’Assemblea Generale ICAO. Il Rapporto e Bilancio Sociale 2016 è composto da quattro interventi a cura dei vertici dell’ENAC e del Presidente ENAC, Vito Riggio. “Politiche di sistema per lo sviluppo del trasporto aereo” ; Alessio Quaranta Direttore Generale ENAC “Analisi dei dati di traffico 2016”; Alessandro Cardi Vice Direttore Generale ENAC “Sicurezza aerea 2016: confermati i trend positivi sui livelli di sicurezza”; Fang Liu Segretario Generale dell’ICAO “ICAO: sfide e opportunità del settore aereo”. Il volume riporta quindi i principali dati di traffico e le 28 schede del Bilancio Sociale con il dettaglio delle attività svolte nelle 8 aree tematiche di riferimento: Istituzione, la Safety, la Security, gli Aeroporti, la Regolazione economica, la Regolazione dello spazio aereo, l’Ambiente, l’Attività internazionale. Il Rapporto (con gli interventi completi) e Bilancio Sociale 2016 verranno pubblicati integralmente, sia nella versione italiana sia in inglese, sul portale dell’ENAC, www.enac.gov.it. (R.M.)